Danza

CONTACT IMPROVISATION

Fondata da un gruppo di danzatori newyorchesi capeggiati da Steve Paxton, la contact improvisation è una tecnica di movimento nata nei primi anni 70, come ricerca di nove possibilità di movimento attraverso il contatto fisico e sensoriale. Essa si fonda sulla fiducia reciproca e la fluidità, usa la forza di gravità e il pavimento come due ulteriori partners: muoversi mantenendo il contatto con l’altro, cercando di risolvere ogni azione in passaggi semplici e continui. onostante l’apparente libertà di movimento la Contact forma ad una grande preparazione tecnica, ma è il concetto stesso di tecnica che viene rivoluzionato: non più gesti puramente estetici, si educa al peso, al peso dinamico, allo spazio/tempo, e acquisisce così una consapevolezza personale che permette di padroneggiare le leggi stesse della fisica.


GIOCO & DANZA

Attraverso il gioco, strumento indispensabile al bambino per sviluppare fantasia, creatività e curiosità, i nostri piccoli verranno aiutati a esplorare tutte le possibilità espressive e motorie del corpo. Verranno così introdotti gli elementi base della danza: la percezione corporea, la qualità del movimento, la cognizione di tempo e spazio; ma in modo dolce e graduale, con l’aiuto dell’immaginazione, cosicché la libertà di espressione del bambino sia indirizzata al meglio verso una crescita psicomotoria globale.


DANZA CLASSICA_ PROPEDEUTICA

Il programma è rivolto a bambini/e dai 6 agli 8 anni. Tende a sviluppare il senso di disciplina e concentrazione che sarà alla base del loro apprendimento futuro. L’obiettivo è quello di introdurre gli allievi ai primi esercizi tecnici, posturali e prepararli fisicamente e ritmicamente, senza perdere di vista l’aspetto ludico e gioioso affinché si crei un clima divertente e armonico. 


DANZA CLASSICA_BAMBINI E ADOLESCENTI

Corso rivolto a bambine/i a partire dagli 8 anni suddivisi per età e per livello, avvalendosi del Metodo russo Vaganova, adeguato a formare tecnicamente gli allievi e a fornire una solida base per qualsiasi altra tecnica e stile di danza. Attualmente il metodo di Vaganova e considerato migliore, ha assoluta dominanza in tutto mondo nell’insegnamento e nell’allenamento della danza classica (meno dominante negli Stati Uniti, dove regna il metodo di Balanchine, e a Cuba).  Il merito della Vaganova e stato quello di analizzare in modo dettagliato e decomporre nei singoli elementi tecnici tutti i passi della tradizione accademica, elaborando un sistema di esercizi caratterizzato da un crescendo di difficolta tecnica e di complessita compositiva, graduato in otto anni di studio, organizzato in modo da assicurare uno studio progressivo e privo di rischi per gli allievi, in relazione all’età e al livello di sviluppo psicofisico. Questa elaborazione assolutamente sistematica ed esauriente ha costituito una base solida e un punto di riferimento sicuro per gli insegnanti.  Il metodo non e conservativo ma in costante sviluppo. In ultimi 10 anni il metodo di Vaganova ha subito un rinnovamento notevole che ha portato a conquistare i livelli tecnici dei ballerini classici mai visti prima.


DANZA CLASSICA_ADULTI

Questo corso è rivolto a giovani e adulti che decidono di indossare le scarpette rosa per la prima volta, oppure che decidono di tornare alla sbarra dopo aver praticato da bambini, oppure ancora, a chi pratica altre discipline della danza (modern, jazz, contemporanea) e desidera dare un maggiore supporto tecnico al suo studio. La danza classica è un ottimo allenamento per il corpo, perfetto per sviluppare la forza, l’elasticità, la coordinazione e certamente anche l’armonia e la bellezza del movimento. E’ una tecnica molto complessa, ma nel corso per adulti viene praticata con dolcezza, nel rispetto del corpo di ciascuno e senza procurare stress eccessivi alle articolazioni, per il solo piacere di danzare.


Danza Contemporanea

La danza contemporanea nasce in Europa e negli Stati Uniti dopo la Seconda guerra mondiale, prosegue la rivoluzione attuata dalla danza moderna a favore di nuove espressioni corporee. Questo corso di Danza Contemporaneain particolare, vuole proporre un lavoro davvero attuale, che passa dal FloorWork al Flying Low, usando la spirale come motore del movimento, con elementi acrobatici per arricchire le dinamiche dei ballerini; nella lezione, inoltre, spicca il lavoro di Partneringleading & following: studio dell’ascolto del corpo, delle leve e della mappatura del corpo stesso per creare canali di comunicazione tra un corpo e l’altro, arrivando all’improvvisazione come espressione massima della danza in sé. 


Danza Contemporanea_MOVERS

Movers è un allenamento per lo sguardo, la pelle, il corpo a un sentire istintivo di collocazione della propria danza nello spazio in relazione a un territorio comune. Il laboratorio si presenta come un terreno di incontro che accoglie tutti coloro che desiderano accrescere la consapevolezza del proprio corpo attraverso il movimento e del movimento attraverso la struttura del corpo, rendendolo forma creativa, aperta, disponibile, plasmabile, accogliente. (fonte: http://www.annalirainoldi.com)


MUSICAL IN ENGLISH

La lezione ha una durata di 75-90 minuti durante i quali l’insegnante conduce gli alunni attraverso una vera e propria esperienza teatrale: come in una compagnia di musical, si inizia con esercizi di riscaldamento fisico e vocale per il potenziamento, la flessibilità e la musicalità. Gli esercizi proposti per la parte legata alla danza, dalla tecnica modern e dal repertorio musical, e per il canto dal metodo Voicecraft. Successivamente viene spiegata la trama del musical di cui vengono insegnate le canzonie le coreografie, e vengono assegnati dei ruoli da interpretare. Infine, una volta scelti ed eventualmente creati degli accessori per caratterizzare i personaggi, i bambini imparano a ballare, a cantare e a recitare sequenze progressivamente più strutturate ed entusiasmanti. Durante l’anno ci saranno anche dei momenti dedicati ai laboratori di trucco, parrucco e costumeria. Il ritmo della lezione e la proposta formativa permettono a tutti di vivere fin dall’inizio la preziosa esperienza di collaborazione, disciplina, creatività e divertimento, che vengono sempre condivisi dai performer, dal cast tecnico e da quello creativo durante l’allestimento di uno spettacolo teatrale. (fonte: https://www.montessoribilingue.it/musical-for-kids/)


BREAKDANCE

La breakdance è una delle quattro discipline fondamentali dell’hip hop, nata in America alla fine degli anni ’70. Si articola in diversi movimenti, da quelli in piedi, toprock; ai passi a terra chiamati footwork; le evoluzioni; le moves, forse le più conosciute grazie a programmi televisivi e video; e le freeze, posizioni in cui il ballerino resta letteralmente “congelato”.


REGGAETON

Il genere musicale nasce negli anni ’90 a Portorico frutto di mix e influenze di Dancehall, Reggae e Hip Hop, ma con un ritmo di base unico e definito che contraddistingue quasi tutte le canzoni. Il ballo che ne deriva può essere molto sensuale o energico, cambiando in base alla velocità e alla melodia del tema. É un ballo cardio, in cui si suda ma che fa scoprire e aumentare la sicurezza in sé e la propria femminilità. Dal centro America si è diffuso negli ultimi 15 anni in tutto il mondo tanto da diventare il genere commerciale più ascoltato degli ultimi anni. Il reggaeton è quindi il ballo del momento! 


TWERK

Dalla tradizione dei balli di fertilità Africani, alla Danza del ventre, passando per la Giamaica e la Dancehall questo genere super sensuale consiste nell’imparare i diversi movimenti che fianchi e bacino possono eseguire su musica di solito Reggaeton, Hip Hop o Dancehall.


HIP HOP

Così come la musica, anche la danza vive di un grande fermento, ruotante a quello che sicuramente nell’ultimo ventennio rappresenta uno dei fenomeni socio culturali più dominanti, e non solo a livello giovanile. Dalla tecnica madre abbiamo assistito all’evolversi di numerosi stili di danza ad impronta tipicamente urban, lo stretto rapporto con la cultura latina ha poi decretato un vero e proprio boom a 360°, fornendo una miriade di contaminazioni orbitanti intorno al movimento “sincopato”. 


DANCEHALL

Con l’avvento e lo sdoganamento globale della cultura hip hop, anche matrici diverse ma strettamente collegate tra loro, godono di grande risonanza mediatica e di conseguenza tutte le forme ad esse collegate. Ldancehall ad esempio, non vive più di oasi di nicchia come poteva essere sino a inizio anni 2000, ma anziproprio nell’ultimo decennio il panorama musicale e coreutico ha portato la “cultura di kingston” a divenire un prodotto fruibile da chiunque. Le linee morbide e sensuali, nonché estremamente coinvolgenti della dancehall, ne fanno uno dei generi più apprezzati non solo dal popolo femminile.


HOUSEDANCE

differenza dell’hip hop e della dancehall che nascono come fenomeni prettamente street (dal punto di vista coreutico), l’housedance è la logica conseguenza di una cultura tipicamente club, nata ad inizio anni 80 in quel di Chicago. La danza house è un conglomerato di contaminazioni di numerosi stili, hiphop, jazz, capoeira, breakin’, floor work, tapdance, salsa, modernbasata su un deciso studio del footwork nelle sue foundations, ha visto il suo linguaggio man mano evolversi ed arricchirsi di nuovi impulsi. Di grande rilevanza in Francia, Germania, Olanda e Russia, l’house cerca anche da noi in Italia il suo posto di diritto. 


VIDEODANCE

La  videodance nasce con i primi videoclip musicali e include tutto ciò che rende perfetta la scena su un palco o di fronte la camera da presa. Pertanto diventa l’unione perfetta di danza  (prettamente jazz e hip hop) ed estetica (vestititrucco, espressione e atteggiamento).


HEELS

Marylin Monroe diceva “Non so chi abbia inventato i tacchi alti, ma tutte le donne gli devono molto“.  Un mix di femminilità, sensualità, portamento, eleganza e tecnica.


DANZA DEL VENTRE / DANZA ORIENTALE

Cresciuta nei cortili del mondo arabo come danza di aggregazione, diffusa e contaminata dal peregrinare degli zingari, filtrata dall’occhio romantico dell’orientalismo occidentale, la Danza Orientale (o Danza del Ventre) arriva a noi come danza delle donne per le donne, femminile, gioiosa, rotonda e piena di onde. Sviluppandosi sul terreno della danza popolare (Raqs Baladi), che ogni ragazza apprende in casa dalla madre e dalle sorelle maggiori, la Danza Orientale (Raqs Sharqi) assume i contorni di un nuovo stile al Cairo, negli anni ’30 e ’40 nel Novecento, grazie all’apertura dei primi cabaret destinati agli europei ed all’élite egiziana.  Rappresenta quindi il frutto dell’incontro tra Oriente ed Occidente: i movimenti dei fianchi tipici della danza tradizionale si sposano con elementi di Danza Classica, che trasformano il Raqs Sharqi in una forma d’arte elegante e raffinata. A partire dagli anni ’40 una massiccia produzione cinematografica, impreziosita dal talento di grandi musicisti e delle dive dell’epoca, danzatrici e attrici, porta la Danza Orientale nei cinema di tutti i paesi arabi e sugli schermi del resto del mondo, ispirando generazioni di danzatrici in ogni paese. Una danza complessa e virtuosa, che dà spazio all’espressività individuale e che merita di essere valorizzata per il patrimonio culturale ed emotivo del quale il suo linguaggio è solo una delle infinite espressioni. Le lezioni prevedono, per tutti i livelli: preparazione corporea, tecnica, coreografia ed elementi culturali; largo spazio è dato sin dai corsi principianti all’improvvisazione e all’ espressione individuale. A partire dai livelli intermedi il programma si arricchisce con lo studio degli stili, degli accessori (a partire da velo, cimbali e bastone) e della musica (ritmi e repertorio).(www.metissart.org) 


DANZA MEDIORIENTALE CONTEMPORANEA 

Dalle danze delle antiche corti Ottomane, alle Danze Sufi, dalla Danza Orientale alle danze Zigane dell’Est Europa. Le danze mediorientali sono il punto di partenza per un’esplorazione teatrale dell’essenza di queste danze nei loro aspetti archetipici. Con il suo metodo personale, maturato in venti anni di esperienza, l’insegnante (Alessandra Centonze) trasmette la tecnica della danza, con una speciale attenzione agli aspetti somatici e agli aspetti energetici del movimento. La lezione si sviluppa in un training corporeo, studio della musica e dei ritmi, tecnica e coreografia, dal sapore teatrale e contemporaneo, con ampi spazi per l’esplorazione personale e corale del movimento.


DANZE BERBERE

Le danze berbere del Nordafrica, diffuse in Mauritania, Marocco,Tunisia, Algeria, sono danze rituali antiche del Nordafrica preislamico, caratterizzate da radicamento, potenza, movimento integrato.I ritmi gioiosi e coinvolgenti, la gestualità fortemente connessa agli elementi, il respiro corale, integrano un training fisico mediamente impegnativo a un momento di aggregazione leggero e celebrativo. Nel taglio artistico e teatrale dell’insegnante (Alessandra Centonzequeste danze divengono il filo conduttore di un’esplorazione contemporanea e attuale delle nostre radici.


GYPSY DUENDE

Danziamo con tutto il cuore. Conserviamo la sua natura libera e selvaggia. Torniamo alla freschezza e alla sincerità  del gesto, come un bambino che balla, coltivando semplicità , improvvisazione e senso dell’umorismo.La Danza Gypsy Duende nasce da uno studio circa l’essenza della Danza Rom e delle Danze Gitane in genere nella loro espressione universale e sul modo migliore per trasmettere e insegnare un’arte che richiede una resa totale del corpo e della mente attraverso il viaggio nella spontaneità  e creatività  senza confini. C’è chi dice che la Danza Tzigana non esiste, ma esistono gli tzigani che ballano… In effetti il popolo Rom, nel suo girovagare ha assorbito rielaborato le danze dei territori che attraversava, e che oggi accomunano le danze nomadi indiane, russe, rumene, ungheresi, flamenche e orientali. Esiste pero’ sicuramente una maniera tzigana di danzare: è la maniera dell’artista che si abbandona alla sua arte e al suo duende. (fonte: http://www.metissart.org) 


FLAMENCO SCALZO

Il Flamenco è un genere musicale e una danza di origine gitana che nel corso del ‘900 si è andata sviluppando e codificando in generi e stili, divenendo una vera e propria danza accademica, complessa e precisa. Afflamencare  balli spontanei, ossia eseguirli con carattere e forme flamencheggianti, è rimasto sempre tipico dei Gitani di Andalusia. Anime che non conoscono frontiere e hanno la Libertà come religione, allo stesso tempo grandi virtuosi di ritmo, precisione tecnica, fiducia e spontaneità. Celebri Balli Aflamencados sono per esempio le Sevillanas, danze popolari  cui l’interpretazione gitana ha regalato l’eleganza e il sapore del Baile.  Tanti i gruppi gitani che hanno proposto musiche Aflamencadas, i più famosi sicuramente i Gypsy King. Cliccando su questo link è possibile vedere un bellissimo video: una giovane gitana mostra fiera la propria danza orientale aflamencada. Il corso proposto non vuole essere dunque un normale corso di Flamenco, nella struttura e nei codici che questa danza ha assunto nel corso del 900,  ma un corso di Gypsy Duende dedicato all’espressione Flamenca. (fonte: http://www.metissart.org) 


TRIBAL FUSION

Nata dalla fusione di diverse discipline espressione della Tribal Bellydance, la Tribal Fusion E’  lo stile incarnato da Rachel Brice. Allieva di Carolina Nericcio, ha sviluppato uno stile proprio utilizzando movimenti dello yoga, della breakdance, della danza indiana, della danza orientale. Rachel ha sviluppato questo stile che valorizza la capacita’ di controllo del movimento e della muscolatura.
La Tribal fusion prende origine dall’ American Tribal Style Belly Dance, per quanto riguarda le movenze e i costumi, ma si evolve fondendo altre esperienze di danza, come lo stile Popping dell’ Hip hop, il Flamenco, il Kathak, la danza africana o la Breakdance e si arricchisce di esperienze musicali molto eterogenee. (fonte: http://www.metissart.org)


AMERICAN TRIBAL STYLE BELLYDANCE

E’ una forma di danza etnica contemporanea nata in America (San Francisco) nel 1987  grazie alla creatività  di Carolina Nericcio, fondatrice dello studio Fat Chance Bellydance e dell’omonima troupe, la prima di questo stile di danza. I movimenti dell’American Tribal  Style Bellydanceprovengono dalla Danza Orientale (danza del ventre), ma anche dalle danze di Folklore del Nordafrica, dalla Danza Indiana BarathaNatyam e al Flamenco.La caratteristica principale è che si esegue sempre in gruppo (o Tribe, formata da almeno tre persone) edè basata sull’improvvisazione. Le danzatrici conoscono una serie di combinazioni coreografiche che possono combinare a piacere chiamandole con segnali  codificati. La leader del gruppo è normalmente la danzatrice più a destra nella formazione, ma tutte hanno le danzatrici a turno prendono la leadership, chiamando le combinazioni alle sue compagne.. Le danzatrici all’interno della Tribe utilizzano segnali e combinazioni di movimenti codificati per comunicare fra loro. Dall’esterno l’effetto più sorprendente perchè le persone danzano in perfetta sintonia senza bisogno di coreografia. Dal punto di vista estetico, l’American Tribal Style Bellydance si caratterizza per l’uso di costumi e gioielli dal forte richiamo etnico. (fonte: http://www.metissart.org) 


P.B.T. – PROGRESSING BALLET TECHNIQUE

Ideata da Marie Walton-Mahon, la PBT ,Progressing Ballet Technique®, applica l’impostazione degli esercizi di Pilates agli esercizi di base per la danza classica, con l’ausilio di Fit Ball di diverse dimensioni. Si tratta di una tecnica poco utilizzata in Italia, sebbene sia molto conosciuta in Australia, Stati Uniti e Russia.I vantaggi della Progressing Ballet Technique® (PBT) sono innumerevoli, ma il risultato più immediato è quello di donare a chi lo pratica maggiore equilibrio e allineamento. La PBT, in particolare, aumenta la memoria muscolare: grazie alle FitBall, che mettono costantemente in disequilibrio, il corpo dovrà istintivamente cercare una maggiore stabilità. Il corso è indirizzato sia ad ex danzatori che ad amatori. (fonte: https://www.movimentodanza.org/). 


SBARRA A TERRA (METODO BORIS KNIASEFF)

La sbarra a terra è una tecnica molto efficace e utilizzata anche da professionisti nella danza classica per migliorare l’elasticità muscolare, rinforzare i muscoli e migliorare la postura senza tralasciare la grazia e l’armonia. Tutti muscoli vengono coinvolti nell’esecuzione di esercizi svolti in posizione supina, seduta, sul fianco e proni, in maniera dinamica e accompagnati dalla musica. Queste lezioni, la cui tecnica si ispira al metodo del Maestro Boris Kniaseff, sono state pensate appositamente per adulti anche se non hanno mai fatto danza.  Lo stile di questo corso “silvia movement” è un idea e uno stile di lezione che è stato elaborato da Silvia Petranca e che nasce dall’esperienza del lavoro svolto a livello professionale e da anni di insegnamento.

I NOSTRI CORSI

Ashtanga

Bachata

Balboa

Body flying®

Breakdance

Contact improvisation

DANCEHALL

Danza classica_adulti